Poesie varie di Luigi Clasio

Front Cover
Dalla tipografia di L. Ciardetti a spese di A. Garinei, 1820 - 198 pages
1 Review
Reviews aren't verified, but Google checks for and removes fake content when it's identified

From inside the book

What people are saying - Write a review

We haven't found any reviews in the usual places.

Selected pages

Contents

Popular passages

Page 124 - Eia Mater, fons amoris ! Me sentire vim doloris Fac, ut tecum lugeam. Fac, ut ardeat cor meum In amando Christum Deum Ut sibi complaceam.
Page 156 - ... difficile est longum subito deponere amorem, difficile est, verum hoc qua lubet efficias : una salus haec est, hoc est tibi pervincendum, 15 hoc facias, sive id non pote sive pote.
Page 97 - E ogni anno il giorno eh' i' sarei per tene Morto di Cecco tuo ti sovverria; E mi daresti almen per compassione Qualche sospiro, e qualche luccicone. Ma il contradio destili fece il rovescio Che tu se' morta , ed io son resto vivo : Ma sì macolo i' sono , e sì malescio Ch' i' non soe s'i'son morto, oppur s' i
Page 152 - Nulli se dicit mulier mea nubere malle quam mihi, non si se luppiter ipse petat. dicit; sed mulier cupido quod dicit amanti, in vento et rapida scribere oportet aqua.
Page 95 - D' invida morte le spieiate voglie ; L'alma sul terzo cerchio era salita, E la terra copria le fredde spoglie . Quando l'amante Cecco, a cui la vita Era insoffribil peso in tante doglie, Venne al sepolcro, e al suo bel nume spento Così volse piangendo il suo lamento . 2. O Sandra, Sandra mia, scolta il bocìo D' un che ti chiama , e vuoi morir con tene . Sandra , son Cecco tuo , Sandra , son io , Che altro or non ho che un triboli o di pene.
Page 126 - Mihi jam non sis amara: Fac me tecum plangere. Fac ut portem Christi mortem, Passionis fac consortem, Et plagas recolere. Fac me plagis vulnerari, Fac me cruce inebriari, Et cruore Filii: Flammis ne urar succensus, Per te, Virgo, sim defensus, In die judicii. Christe cum sit hinc exire, Da per matrem me venire Ad palmam victoriae.
Page 101 - S' i son nel to podere, o in un deserto. 20. Qui, fra me dico, la solea vienire 1 pampani a brucar pel so bucello. Qui la cantò un rispetto che al sentire La parca propiamente un campanello. Su questa proda un dì l'era a dormire All'ombra di quel pero moscadello; E in tanto i...
Page 102 - Or più nulla mi garba; e i' ere' che tutto Appassito rimanga a mezza via. Casca bacato, o non matura il frutto, Qual se tocco l'avesse una malia. E par che sul terren maghero e strutto S' accovaccin la fame e la moria.
Page 126 - Et me tibi sociare, In planctu desidero. Virgo virginum praeclara, Mihi jam non sis amara, Fac me tecum plangere. Fac ut portem Christi mortem, Passionis fac consortem, Et plagas recolere. Fac me plagis vulnerari, Fac me Cruce inebriari, Et cruore Filii.

Bibliographic information