Page images
PDF
EPUB
[graphic][subsumed][subsumed][subsumed][subsumed][ocr errors]
[blocks in formation]

Riseroata la proprietà letteraria ed il diritto di traduzione.

CAPITOLO PRIMO

Sommarlo

Mutamento di governo a Madrid e a Napoli - Immediata condanna del governo

costituzionale napoletano per parte della Santa Alleanza - Proposte conciliative della Francia -- Disaccordi di concetti e d'opere ne' diplomatici francesi del pari che nella diplomazia russa - Occulti intendimenti del Governo inglese in ordine al reggime costituzionale napoletano -- Progetto austriaco d'immediato intervento armato nel regno di Napoli perchè non riuscito – Pratiche del Gabinelto di Vienna presso le Corti di Modena, Firenze, Roma e Torino - Avvertenza - Tentativo non riuscito per parte dell'Austria di occupare militarmente la Toscana e gli Stati della Santa Sede — Colloquio tra il principe di Melternich e l'ambasciatore per la Sardegna in Vienna — Avvertenza - Contegno apertamente ostile dell'Austria verso il governo costituzionale napoletano Colloquio tra il principe di Metternich e il principe di Cimitile - Pratiche del cancelliere imperiale per impedire la convocazione d'un congresso a decidere sulla questione napoletana – Opposta opinione dello czar Alessandro - Conferenze di Troppau -- Proposte fatte in esso — Contrari pareri – Accordi terminativi - Federico Gentz - Astuzie politiche del principe Metternich -- Nuovo indirizzo dato dall'imperatore Alessandro alla sua politica - Lettera del principe Metternich al cardinale Consalvi - Sospetti nella Corte romana intorno alla lealtà politica dell'Austria - La dominazione straniera incolpata dal conte d'Agliè ambasciatore per la Sardegua in Londra, quale cagione primaria dei moti rivoJuzionari italiani – Avvertenza - Osservazioni del conte Cotti di Brusasco, ambasciatore sardo a Pietroburgo, sulla politica austriaca in Italia - Suggerimenti liberali dello stesso diplomatico al re Vittorio Emanuele.

Nel marzo del 1820 la nazione spagnuola impose a Ferdinando VII il ristauro di quelle franchigie costituzionali, per le quali essa avea lottato ne'campi di guerra contro l'invasione straniera, e salvato dal naufragio la corona dei suoi re. A poco andar di tempo, i Borboni di Napoli si Trovarono nei medesimi lermini. Nel luglio di quello stesso

« PreviousContinue »